Nino Costa (1826 - 1903)

Valutazione, prezzo di mercato, valore e acquisto quadri di Nino Costa.

Valutazione gratuita ed immediata dei quadri di Nino Costa

Vuoi ricevere una stima gratuita e senza impegno, in massimo 24 ore, delle opere di Nino Costa ? Inviaci delle foto nitide del dipinto, della firma e le dimensioni.
Scopri come ottenere una valutazione



Acquistiamo e vendiamo quadri Nino Costa (Roma 1826 - Marina di Pisa 1903)

Siamo interessati all' acquisto di opere di Nino Costa da privati.
Inviaci delle foto nitide del dipinto, della firma e le dimensioni.
Tutte le trattative sono riservate e garantiamo la massima privacy.
Scopri come vendere la tua opera

Inviaci delle foto nitide del dipinto, della firma e le dimensioni
La quotazione sarà effettuata da un esperto, entro massimo 24 ore.

CONTATTACI SUBITO

Di seguito il MODULO DI CONTATTO





Le foto devono essere in formato png o jpeg.

Biografia breve di Nino Costa

Giovanni Costa detto "Nino" (Roma 1826 - Marina di Pisa 1903) è stato un pittore italiano del XIX secolo. Nato a Roma nell'ottobre 1826, morto a Marina di Pisa il 31 gennaio 1903. Fu allievo del Camuccini, del Coghetti, dell'Agricola e del Podesti. Arturo Lancellotti giustamente distingue in tre periodi la produzione di questo artista: nel primo periodo i particolari sono curati con scrupolosità, e il vero è ritratto con vivacità e semplicità di colore; nel secondo, si accentua una maggior libertà di soggetto e di pennellata, in una raffinatezza di sentimento; al terzo appartengono rapidi paesaggi e diversi incisivi ritratti. Opere: Donne sulla spiaggia di Anzio; Paesaggio e Il bacio del sole morente alla campagna odorosa, nella Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma; Risveglio, nella Galleria Nazionale di Londra; La barca; La France se renouvelle toujours; Danza dei carbonai; Ragazza di Capri; Ragazzi nel bosco; Larno a San Rossore; Leda, tutte di proprietà Lemon; Barche nel golfo di Napoli; Campagna di Novarth; Ritratto femminile; Ritratto d'una figlia; Bufali nella Campagna romana; Ad fontem Aricjnum, tutte nella Collezione Guerrazzi; Il Gombo a San Rossore, nella Collezione Rutson; Castello di Normandia, di proprietà del pittore Alma Tadema; Frate Francesco e Frate Sole, proprietà Lord Carlisle; Santo Stefano Rotondo a Roma; Geremia sulle rovine di Gerusalemme; La Verna; Il Serchio e le sue Ninfe. I suoi quadri risentono quella semplicità che così ben s'adatta alla naturale bellezza della campagna. La sua anima, capace di comprendere tutte le sfumature delle visioni, ci ha dato tele di gusto fine. I paesaggi, forse la parte migliore della sua produzione, hanno in sè la malinconica serenità della campagna toscana e di quella laziale. Tecnico esperto, egli seppe unire le finezze della sensibilità con le regole della pratica, ottenendo così nelle sue figure una sana forma costruttiva, in un periodo di tempo piuttosto molle (preraffaelismo). La sua maniera acuta, la sua ricerca costante « sul La « Sul vero », additò la via al Fattori e più tardi al Signorini, cosicchè si può considerare il Costa come il vero animatore dei Macchiaiuoli. Infatti il Fattori stesso, in una lettera indirizzata a Gustavo Uzielli, scriveva fra l'altro: « ...Non lo lasciai più. Facevo con lui delle lunghe passeggiate in campagna e stavo attento alle sue, dirò cosi, lezioni. Amavo i suoi studi e i suoi quadri. Venne il concorso Ricasoli: « Gli episodi della guerra del 1859 ». Domandai a Costa se dovevo concorrere, li sul canto della Piazza del Duomo, di faccia al Falchetto. Disse: « Concorri! ». Concorsi e vinsi, e il mio quadro La Battaglia di Magenta, si può vedere qui nella Galleria d'Arte Modernạ. Sente della pittura del Costa ed è prova come io amava i suoi consigli. Tuo affezionatissimo amico Fattori ». (ADRIANO CECIONI: Scritti e Ricordi, con prefazione e note di Gustavo Uzielli - Firenze, Tipografia Domenicana, 1905; pagine 452-453). Ardente patriota, s'inscrisse nel 1847 alla Giovine Italia, e nel 1848, 1849 e 1860 combattè per l'indipendenza della Patria, Viaggiò in Francia e in Inghilterra dove contava carissime amicizie, tanto è vero che la maggior parte della sua produzione eseguita in Italia emigrò in Inghilterra e in Francia, dove il Costa fu sostenuto dal Corot, che lo ebbe carissimo.

FONTE: A.M. COMANDUCCI

Quotazioni Nino Costa

Contattaci per scoprire gratuitamente il valore della tua opera d'arte.

Pittori dell'ottocento di nostro maggior interesse: