Giuseppe Abbati (Napoli 1836 - Firenze 1868)

Valutazione, prezzo di mercato, valore e acquisto quadri di Giuseppe Abbati.

Valutazione gratuita ed immediata dei quadri di Giuseppe Abbati

Vuoi ricevere una stima gratuita e senza impegno, in massimo 24 ore, delle opere di Giuseppe Abbati ? Inviaci delle foto nitide del dipinto, della firma e le dimensioni.
Scopri come ottenere una valutazione



Acquistiamo e vendiamo quadri Giuseppe Abbati (Napoli 1836 - Firenze 1868)

Siamo interessati all' acquisto di opere di Giuseppe Abbati da privati.
Inviaci delle foto nitide del dipinto, della firma e le dimensioni.
Tutte le trattative sono riservate e garantiamo la massima privacy.
Scopri come vendere la tua opera

Inviaci delle foto nitide del dipinto, della firma e le dimensioni
La quotazione sarà effettuata da un esperto, entro massimo 24 ore.

CONTATTACI SUBITO

Di seguito il MODULO DI CONTATTO





Le foto devono essere in formato png o jpeg.

Biografia breve di Giuseppe Abbati

Giuseppe Abbati (Napoli 1836 - Firenze 1868) è stato un pittore italiano del XIX secolo. Nato a Venezia nel 1836, morto a Firenze il 20 febbraio 1868. Apprese dal padre le prime nozioni di disegno e della pittura; poi frequentò l'Acca­demia di Venezia fino al 1852, anno in cui andò a Na­ poli dove incominciò gli interni architettonici nella Cap­pella di San Domenico. Nel 1861 partecipò all'Esposi­zione di Firenze con due Interni della chiesa di San Miniato ai Monte, entrambi ammirati e lodati. Fra i lavori più rinomati si citano: Monaco al coro, nella Gal­leria Capodimonte di Napoli (nel 1870, due anni dopo la sua morte, questo quadro, esposto a Parma , fu premiato con menzione onorevole); Un interno del Bargello, 1865 (raccolta del comm. Mario Vannini Parenti, Firenze); il Chiostro di Santa Croce (raccolta Visconti Moscardi, Firenze); La preghiera; Interno di una capanna di ta­glialegna; Il celibe; Ritratto di Diego Martelli; il Mu­gnone presso le Cure; Buoi lungo il mare; Buoi al carro (nella raccolta del conte Giustiniani, Firenze); Famiglia di contadini durante la siesta che è una delle sue ultime opere e rivela grande purezza di toni. Appartenne al gruppo dei macchiaiuoli. Nella sua pittura spesso aveva un'impronta quasi triste che era l'espressione della sua vita infelice. Nel 1860 lasciò il pennello per seguire Ga­ribaldi e, in uno scontro con l'esercito borbonico, perdette un occhio. Interruppe nuovamente la sua attiv1ta artistica nel 1866, per partecipare volontario alla cam­pagna del Tirolo. Nell'ultimo tempo eseguì parecchi pae­saggi della campagna toscana, animati da graziose mac­chiette. Morsicato dal suo fido cane, moriva per conta­gio d'idrofobia a soli 32 anni.

FONTE: A.M. COMANDUCCI

Quotazioni opere d'arte di Giuseppe Abbati

I bozzetti e gli studi hanno un valore di €500/1000.
Le opere compiute e impegnate possono valere €4000/5000.
Le quotazioni per gli oli più importanti possono essere di oltre €10000.
Il record di vendita del pittore è di €68419 nel 1997.
Contattaci per scoprire il valore della tua opera d'arte.

Pittori dell'ottocento di nostro maggior interesse: